vigili fuoco

Vigili del Fuoco, “la Regione dia sostegno, il Governo faccia la sua parte”

Sostenere il corpo dei vigili del fuoco, sia dal punto di vista economico che logistico. È il senso della risoluzione del consigliere regionale PD Mirco Bagnari, sottoscritta anche dalla collega piacentina Katia Tarasconi.

 “La carenza di uomini e di mezzi nei comandi dei Vigili del Fuoco della nostra Regione, evidenzia la necessità che l’ente prosegua sempre più convintamente nella propria opera di sostegno economico e logistico – spiega Tarasconi –. Anche a Piacenza i vigili del fuoco vivono queste difficoltà e proprio ascoltando le loro istanze e volendo dare una risposta alle problematiche che vivono ho sottoscritto la risoluzione del collega Bagnari. Dal 2000 ad oggi ammontano ad oltre 7,3 milioni di euro le risorse regionali destinate all’implementazione delle dotazioni strumentali delle strutture del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco presenti sul territorio. E anche nel bilancio 2019 la Regione, nell’ambito del sistema di protezione civile e al fine di concorrere allo sforzo teso al miglioramento della qualità e della quantità dei servizi resi alla popolazione in un’ottica di collaborazione- con il Programma Operativo Annuale di attuazione della Convenzione quadro vigente tra l’Agenzia Regionale di protezione civile e la Direzione Regionale dei Vigili del Fuoco, prevede l’erogazione diretta di un contributo per acquisto di mezzi, attrezzature e materiali per un importo di € 300.000 a cui si aggiunge la disponibilità di € 240.000 per l’acquisizione diretta da parte dell’Agenzia di altre attrezzature e mezzi messi poi a disposizione tramite comodato al corpo dei VVFF”. “L’impegno della Regione però – sottolinea Tarasconi – non può e non deve essere sostitutivo a quello richiesto al Ministero dell’Interno a cui istituzionalmente e per legge spetta il compito di garantire il buon funzionamento del Corpo e l’efficienza e puntualità dei servizi. È necessario che anche il Governo faccia la sua parte. Per questo nella risoluzione abbiamo ribadito la necessità che il Ministero metta a disposizione con urgenza  risorse umane, economiche e logistiche adeguate a coprire le esigenze di un Corpo che garantisce servizi fondamentali ed irrinunciabili ai cittadini”.

Bologna, 13 febbraio 2019